Annalisa “Euforia” video, testo e spiegazione

Vediamo “Euforia” l’ultimo singolo di Annalisa, rilasciato oggi

Conclusa la trilogia composta da “Bellissima”, “Mon Amour” e “Ragazza Sola”, Annalisa torna con un nuovo singolo per celebrare i suoi fan e il suo tour.

Ecco il significato della canzone di “Euforia” per Annalisa:

«Tutte le canzoni del disco rappresentano un sentimento. Euforia è rappresentativa di quando cominci un nuovo viaggio, di un nuovo percorso e sei lì che non vedi l’ora di capire cosa ti riserva il futuro»

In un’intervista a Rolling Stone Italia Annalisa ha raccontato che il brano rappresenta la fase della vita correlata alla pubblicazione dell’album da cui è estratta.

La “centrale elettrica” a cui la cantante fa riferimento nel primo verso del brano è la raffineria di Busalla, collocata sull’autostrada Milano-Genova

Si tratta di una canzone disco ed electro-pop, dove Annalisa si scatena vocalmente. Sebbene non abbia la potenza delle precedenti hit, è una canzone che ti dà la scossa, la voglia di ascoltarla e ballarla, è emozionante, sa dare la giusta carica, ti sveglia e ti rigenera. Forse le precedenti hit erano più profonde, ma questa è una canzone nata per descrivere un sentimento euforico (l’euforia è uno stato di felicità molto alto, che dà benessere alla mente e che spinge il fisico ad un’eccitazione massima, tuttavia non può essere associata al sesso, è una sensazione completamente diversa, che si prova in determinate circostanze).

In una recensione critica, Claudio Cabona di Rockol afferma che «il brano è da vivere in pista, un’altra potenziale hit».

Leggiamo il testo del brano:

TESTO

Ma che bella era la centrale elettrica
Da sdraiati sopra al tetto della macchina
Ce l’avevi ma dicevi sottovoce
Io non ho paura, ah-ah, paura, ah
E mettiamo sottosopra la mia nostalgia
Quella che, che poi conosci solo tu, in teoria
Le mani sulle guance fior di latte
E euforia, sono…

Passate quante settimane
Non lo so
A fare sesso e litigare
All night long
Mi hai fatto piangere e ballare
Oh, oh, oh
Che dolce malinconia
Oh mamma, mamma, mamma
Sarà per questa maledetta gelosia
Sarà per questa maledetta
Voglia di farti incazzare
Oh, oh, oh
Maledetta
Euforia, sono pazza di te
(Euforia, sono)

Sul traghetto con il vento che ci spettina
Quasi a casa dopo una vacanza pessima
Ci rimane stretto al polso un braccialetto portafortuna
Ah-ah, tu giura, ah
Che mettiamo sottosopra la mia nostalgia
E la luna sta salendo dietro la foschia
Le mani sulle guance fior di latte
E euforia, sono…

Passate quante settimane
Non lo so
A fare sesso e litigare
All night long
Mi hai fatto piangere e ballare
Oh, oh, oh
Che dolce malinconia
Oh mamma, mamma, mamma
Sarà per questa maledetta gelosia
Sarà per questa maledetta
Voglia di farti incazzare
Oh, oh, oh
Maledetta
Euforia, sono pazza di te
(Euforia, sono pazza di te)

Qualcosa si muove (euforia, sono pazza di te)
Siamo noi controluce (euforia, sono pazza di te)
La nascita di un’alta Venere siamo io e te
Che dolce malinconia (oh-oh- oooh)
Che dolce malinconia

Oh mamma, mamma, mamma
Sarà per questa maledetta gelosia
Sarà per questa maledetta
Voglia di farti incazzare
Oh, oh, oh
Maledetta
Euforia, sono pazza di te
(Euforia, sono pazza di te)
(Euforia, sono)

  • Nella versione per le radio, “questa maledetta voglia di farti incazzare” è stata censurata con “questa maledetta voglia di farti arrabbiare”.

Lascia un commento

Chiudi il menu
×
×

Carrello